Questo slideshow richiede JavaScript.

(English) Metro project / Alice Pedroletti

DesignMediterraneo|MediterraneanDesign2
International Design Contest 2010
Photography

Mention

Il progetto METRO nasce come proposta linguistico-visuale. Lo scopo è concretizzare, attraverso l’installazione finale di 1 km di fotografie, una comunicazione libera e non vincolante dove ogni singola immagine trae significato dall’insieme. Non più come singole entità, ma parti di un tutto. Più immagini non casuali vengono realizzate con l’intento di produrre libero dialogo. Come se ognuna di esse fosse una parola che insieme ad altre articolano un discorso, un racconto, capitoli di un libro. Lo scorrimento fisico del soggetto davanti a immagini fisse, contrapposto allo scorrere di queste ultime rispetto al soggetto (video), permette allo spettatore di partecipare attivamente: libero di vivere, creare o interpretare ciò che trova davanti agli occhi. L’attenzione non è rivolta solo alla tematica delle immagini, ma al rapporto fruitore-installazione. Il metro si rivela dunque tempo interiore, parte del tutto, partecipazione attiva del singolo a qualcosa di più grande. Spetterà a quest’ultimo, infine, sentirsi parte integrante dell’opera. La sua opera artistica. Il km inteso come tempo collettivo. La relazione uomo-ambiente è al centro dell’indagine fotografica. Attraverso le immagini viene affrontato il rapporto di morte, invasione, avanzo, inquinamento dell’uomo nel territorio. Una presenza-non presenza che emerge attraverso la narrazione. Gli oggetti che abbandoniamo o che creiamo per celebrare il ricordo di altri uomini, finiscono con l’assomigliare alla natura stessa. Mi colpisce il nostro ritornare sempre alla terra o fisicamente o attraverso una traccia: in entrambi i casi la natura predomina, con il tempo si riappropria di tutto con estrema eleganza e potenza. Per arrivare ad 1 km di immagini ho avviato un processo simile alla creazione di un libro: gli aspetti di cui parlare sono molti e verranno raccontati in lunghe frasi visive. Ho quindi iniziato a comporre diverse metraggi per arrivare ad una fusione finale e alla creazione dell’installazione.

Biografia
La mia ricerca si basa sul rapporto tra uomo, ambiente, emozioni e tempo.
Sono nata e cresciuta a Milano dove tuttora vivo e lavoro come fotografa e artista.
Dopo una laurea speciale dell’Unione Europea ho collaborato per cinque anni come assistente di produzione di eventi socio-culturali (organizzazione di mostre, contest, eventi musicali, ufficio stampa); questo mi ha dato modo di approfondire le lingue studiate (inglese, spagnolo , francese) e di imparare a confrontarmi con diverse persone in ambito sia professionale che personale. Viaggio e ho sempre viaggiato molto, sia per piacere che per lavoro e per brevi periodi ho potuto sia vivere che studiare all’estero (USA, Francia, Gran Bretagna). Esperienze fondamentali che mi hanno consentito di arricchire il mio percorso di artista autodidatta attraverso diverse culture e l’incontro con molti artisti internazionali.

www.notalike.com

About the author(s):

PAD Pages on Art & Design is an international, open access, and peer-reviewed e-journal.

info@padjournal.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *