La specialistica prende il via

 
 
L’anno accademico 2006/2007 vede l’avvio del corso di laurea specialistica in Design per l’area mediterranea, che è di durata biennale ed è successivo al Corso triennale in Disegno Industriale. Si completa cosi il ciclo 3+2 della laurea in Design della facoltà di Architettura di Palermo. Possono iscriversi al corso biennale i laureati del corso triennale in Disegno Industriale o in altri corsi di laurea, qualora abbiano raggiunto i 120 crediti previsti o ottenuti con esami in materie equivalenti. Il corso mira alla formazione di progettisti capaci di agire con consapevolezza tecnico-scientifica ed etico-estetica in ogni settore del design, dal Product al Visual design, dal design strategico, al design degli allestimenti e degli eventi. Si propone di indagare le tematiche caratterizzanti la società attuale, dalla globalizzazione in corso alla rivoluzione informativo-informatica. Si occupa della situazione produttiva e socio-culturale della Sicilia e dei paesi del mediterraneo, con una particolare attenzione a settori strategici come i beni paesistici, culturali e museali, l’agroalimentare, il turismo, la nautica.
 
I due anni del biennio si articolano secondo modalità specifiche. Cosi il primo anno si struttura intorno a due laboratori di design, uno per l’agroalimentare, l’altro per i beni culturali (con attenzione al design di prodotto, della comunicazione, del packaging, degli eventi). Ai due laboratori si affiancheranno corsi o seminari relativi al merchandising, al visual e al web design, alla corporate image e all’analisi dei brand, che approfondiranno la cognizione delle aree tematiche cui si riferiscono le attività di progetto. Si completa con materie relative alla conoscenza critica del design contemporaneo, e alle tematiche etiche della sostenibilità ambientale dei prodotti, delle energie alternative, del turismo sostenibile. Gran parte dell’insegnamento si sviluppa quindi, oltre che intorno ai laboratori attraverso workshop e seminari, con interventi dei maggiori teorici e dei più noti progettisti, italiani e no. Il corso è affiancato da un Comitato di Indirizzo, che ha lo scopo di permettere una continua verifica delle scelte didattiche e scientifiche attraverso il dialogo con enti,istituzione e aziende del territorio e del settore (Artemide, Banca Nuova, Magis, Planeta e altri).

Pubblicato
Etichettato come issue 01

Lascia un commento