Questo slideshow richiede JavaScript.

(English) Underneath the sun / Ana Perković

Un bel pomeriggio, mentre camminavamo, lui si fermò d’un tratto e mi disse: “Sai, quando ero bambino, osservavo il mondo molto meglio … Mi ricordo d’aver visto cose stupende, sempre quando passeggiavo con mia madre. I miei occhi erano diretti verso l’alto, mentre guardavo la sua faccia e ascoltavo le sue storie. In quel “mondo lassù” ho visto molte finestre e un po’ dopo sono rimasto affascinato dalle persiane piene di colore, fantasticavo su chi si potesse nascondere dietro… Sono stato molto curioso della vita…” È accaduto di nuovo in uno di questi giorni… bellissimo, pieno di sole, come se ti chiamasse: “Esci e goditene!!!” Ho deciso di fare una passeggiata fino alla città vecchia. È stato impossibile evitare la folla e dopo un po’ mi sono stancata… Ma ho proseguito e d’un tratto mi sono trovata a Vestibul. Sono stata là migliaia di volte, ma quel girono per la prima volta ho spontaneamente, inconsciamente alzato la testa. In un secondo, mi sono ricordata quello che mi ha detto lui e mi sentivo benedetta. Ci ho visti tutti e due in queste finestre, illuminati dai raggi di sole… Ho capito di essere felice, ho imparato a vedere…

Biografia
Nata a Karlovac, Croazia, nel 1983. Si è laureata in disegno industriale, presso la Scuola di disegno, Università di Zagabria nel 2008. Dal 2008 lavora come light designer nell’azienda Ortoforma.

About the author(s):

PAD Pages on Art & Design is an international, open access, and peer-reviewed e-journal.

info@padjournal.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *