Croatian design. people/places/events

Essere designer in Croazia ha sempre costituito una sfida personale e professionale, in quanto ha significato contribuire alla fondazione del design come disciplina e pratica nel contesto locale.

La comparsa del termine design nella lingua croata è datata ai primi anni ’60 in stretta relazione alla modernizzazione industriale e alla tendenza verso la fusione delle capacità creative dell’arte con la tecnologia della produzione di massa.

La seconda edizione del libro The design encyclopedia (2004), scritto dallo storico del design, l’americano Mel Byars, per la prima volta cita tre nomi significativi nella storia del design croato: Tomislav Krizman, Bogdan Budimirov e Bernardo Bernardi, che per il loro lavoro e impegno sono stati riconosciuti tra i membri dell’élite sociale che ha attribuito al design il valore di strumento strategico per il progresso economico.

All’inizio degli anni ’80 è stata fondata l’associazione dei designer croati (Croatian Designers Association), organizzazione professionale nazionale di riferimento con sede a Zagabria e tutt’oggi attiva nell’organizzare conferenze, workshop e mostre.

La prima mostra di design croato “Croatian design 01” fu realizzata nel 1999 e accompagnata dalla pubblicazione The Yearbook of Croatian design 01 e dal premio dell’associazione dei designer croati che viene aggiudicato ogni due anni.

Inoltre, nel 1989, presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Zagabria è stato attivato il corso di laurea interfacoltà Graduate School of design, sempre su iniziativa dei membri dell’associazione dei designer croati. A oggi sono circa 400 gli studenti laureatisi nel corso di laurea in Design e lavorano principalmente nell’industria pubblicitaria, sebbene ci siano eccezioni ed esempi di successo nel campo del product design e nelle attività sociali no-profit.

Negli ultimi anni la Scuola di Design ha intrapreso collaborazioni con diverse aziende interessate al miglioramento dei loro prodotti e servizi per affrontare in maniera più competitiva il mercato nazionale.

Un buon esempio è il progetto “Six views on the room”, che è stato portato a termine grazie alla collaborazione con la “Hrvatski interijeri” (Interni Croati). I prototipi del sistema di arredi e di attrezzature per camere di hotel nati da questa collaborazione, sono stati presentati alla fiera annuale di arredamento “Ambienta”.

La Scuola di Design promuove anche progetti nel campo del sociale, un buon esempio è “Extraordinary design workshop”, dedicato, nelle sue due edizioni, al design “inclusivo”. Grazie alla collaborazione di diverse organizzazioni che lavorano con persone con disabilità, i designer hanno potuto sviluppare diversi prodotti e l’immagine coordinata delle stesse organizzazioni partner.

Un’altra iniziativa di notevole interesse è “Repair”, progetto supportato dall’organizzazione Reaktor, che promuove il product design croato. Ai cittadini di Zagabria è stato chiesto di portare qualsiasi tipologia di oggetto destinato a essere dismesso per sperimentare e progettare i possibili riusi, e i designer sono stati invitati a rispondere alla sfida, per infondere nuovo valore a dei prodotti che altrimenti sarebbero stati buttati via o semplicemente dimenticati.

La Graduate School of design continua ancora oggi a promuovere diverse attività affinché gli studenti migliorino le loro capacità.

Nel 2010 per la prima volta l’Associazione dei designer croati ha lanciato l’evento “D day”, festival internazionale che intende promuovere i giovani designer, sia studenti che professionisti fino ai 35 anni di età. Attraverso un ricco programma di presentazioni, workshop e conferenze, “D day” stimola i partecipanti e il pubblico rendendoli partecipi delle nuove tendenze del design e sottolineando l’importanza della disciplina in tutte le sfere della società croata.

Guarda il video

D-day, by the croatina designers association

Bibliografia                                                                                                                                   Byars, M. (2004) The Design Enciclopedia. New York, US: The Museum of Modern Art. London, GB: Laurence King Publishing.

Margolin, V., Vukić, F. (2009) Croatian design now/Hrvatski dizajn sad. Zagreb, HR:UPI-2M plus.

Vukić, F. (1998) A century on Croatian design. Zagreb, HR: Meandar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *